Quando il gatto non mangia: come comportarsi

Quando il gatto non mangia‚ quasi sempre‚ c’è qualcosa che non va. Potrebbe essere turbato‚ oppure soffrire di qualche tipo di disturbo. L’importante‚ in questi casi‚ è capire il prima possibile quale possa essere la causa di questo disagio e intervenire opportunamente.

Difficilmente i felini si fanno pregare per gustarsi una bella porzione di croccantini. Proprio per questo‚ quando il gatto non mangia il cibo che gli mettiamo nella ciotola‚ dovremmo cercare di andare a fondo a questo comportamento insolito e riconoscerne le cause. L’inappetenza è un problema molto serio‚ soprattutto quando il micetto è ancora solo un cucciolo‚ ed è importante che il piccolo non resti a pancia vuota neanche per un giorno.

Le cause di inappetenza 

La mancanza di appetito da parte del micio può avere diverse motivazioni‚ proprio per questo è importante osservare con attenzione il comportamento del nostro amico a quattro zampe. Tra le cause che potrebbero esserci‚ le più comuni sono: 

- Dolore alla bocca‚ con una relativa difficoltà a masticare 
- Nausea 
- Non gli piace il gusto o l’odore del cibo che gli stai proponendo – già‚ i gatti hanno il palato decisamente sofisticato. 

Notare la reazione del micio alla presenza della ciotola può aiutarci a capire qual è l´origine dell´inappetenza. 

Quando il micio annusa‚ assaggia e va via 

Il gattino dai gusti sofisticati ha questo tipico atteggiamento: si avvicina alla ciotola‚ annusa o assaggia i bocconcini che gli abbiamo riservato e… si allontana! Già‚ non ha certo timore che noi possiamo restare offesi dal suo atteggiamento. In questi casi‚ può passare anche diverso tempo prima che il micio torni per assaggiare nuovamente il suo pasto.

Esistono diversi modi per tentare di risolvere questo problema. Il primo è cambiare il cibo‚ offrendogli qualcosa di diverso. Un secondo metodo è quello di cambiare il posizionamento della ciotola. Talvolta questa piccola accortezza risolve una situazione che può sembrare disperata‚ perché il luogo in cui il piccolo solitamente mangia potrebbe avere qualcosa che disturba il gatto‚ ad esempio un odore che non riconosce o non gradisce.

Il gatto non assaggia e manifesta disagio o addirittura conati 

Quando il gattino non sta bene‚ molto spesso‚ uno degli aspetti che ne subiscono gli effetti è l’alimentazione. I felini sono molto bravi a nascondere il loro malessere‚ questo succede per via della loro natura di predatori‚ che li vuole sempre pronti all’azione.

Quando un micio non mangia per problemi fisici‚ il più delle volte lo riconosciamo dal suo comportamento: ha conati‚ salivazione eccessiva quando è vicino al cibo‚ oppure tenta di masticare ma sputa l’alimento poco dopo. Questi segnali in particolare possono essere un campanello d’allarme per la presenza di ulcere‚ lesioni alla bocca o problematiche ai denti.

L’unica e fondamentale cosa da fare‚ nel caso in cui si presenti un problema fisico che inficia la nutrizione del piccolo‚ è il consulto dal proprio veterinario. Il tempismo in questo senso è importante: un gatto che non mangia da tempo sarà debilitato‚ e quindi gli occorrerà più tempo per riprendersi. 

Hai bisogno di un veterinario a Palermo? La Clinica Veterinaria Zarcone è anche ambulatorio di pronto soccorso veterinario a Palermo h24. Non esitare a contattarci se il tuo piccolo amico dovesse avere bisogno di aiuto.

Segui le nostre pagine Facebook e Instagram per rimanere sempre aggiornato sui nostri contenuti.